Odrska produkcija
Sara Rman
Slika
Sara Rman
Slika
Sara Rman
Slika
Sara Rman
Slika
Sara Rman
Slika
En–Knap X Silvia Gribaudi & Andrea Rampazzo
(Premiera) Amaterski tihotapci / Contrabbandieri dilettanti
Trajanje: 60 minut
Premiera: 29.05.2024 20:00
Center kulture Španski borci, Ljubljana
Premiera
29.05.2024   20:00
Center kulture Španski borci, Ljubljana
12 eur (redna cena) / 8 eur (za dijake, študente, upokojence)
30.05.2024   20:00
Center kulture Španski borci, Ljubljana
12 eur (redna), 8 eur (dijaki, študenti, upokojenci, brezposelni)
Za mejo predaleč. Za mejo preblizu.
Izhajajoč iz osebnih spominov in zgodovinskih pričevanj o vsakdanjih dejanjih poguma in iznajdljivosti, majhnih uporih v majhnih užitkih s tihotapljenjem vsakdanjih dobrin, kot so cigarete, revije ali kavbojke – in zastavljanjem telesa – prek mesta, ki ga deli zgodovinska meja – in politični sistem, Amaterski tihotapci (2024) prek meje “četrte stene” tihotapijo ganljivo predstavo o pripadnosti skupnosti, skupni, obči človeškosti in hrepenenju po njej.

Želja te bo osvobodila, vsaj tako so si populacije in generacije zamišljale. Želja, ki jo je pomenil #denim, na primer. Iz te snovi so sanje. Obstaja zagovor vloge, ki jo je imel #denim pri podiranju meja – in sistemov. Brez meja. To je izbira svobode, ne svoboda izbire, iti onkraj, preseganje ali prekoračenje meja, preseljevanje, bežanje, tihotapljenje.

Koreografija, prežeta s pristno, surovo, razorožujočo duhovitostjo – podpis in stalnica Silvie Gribaudi in Andrea Rampazza – je pogajanje in posredovanje med osebno mejo, odrsko konvencijo in kolektivno željo, skozi katero se giblje in je ganjeno skupno, skupnostno telo. Brez nostalgije, humor v človeškosti in človeškost v humorju.

- - -

IT

Un confine troppo lontano. Un confine troppo vicino.

Partendo dai ricordi personali e dai resoconti storici di atti quotidiani di coraggio e ingegno, piccole resistenze in piccoli piaceri contrabbandando beni di uso quotidiano, come sigarette, riviste o jeans – mettendo in gioco il corpo – attraverso una città divisa da un confine storico e da un sistema politico, Contrabbandieri dilettanti (2024) contrabbandano oltre i confini della “quarta parete” una performance commovente di appartenenza e desiderio di comunità, di un'umanità comune e condivisa.

Il desiderio ti renderà libero, o almeno così hanno immaginato popolazioni e generazioni. Il desiderio di #denim, per esempio. La materia di cui sono fatti i sogni. È stato fatto un caso per il ruolo di #denim nell'abbattere i confini – e i sistemi. Senza confini. È la scelta della libertà, non la libertà di scelta, di andare oltre, trascendere o superare i confini, migrare, fuggire, contrabbandare.

Impregnata di un'arguzia genuina, cruda e disarmante – una firma e un punto fermo di Silvia Gribaudi e Andrea Rampazzo – la coreografia è una negoziazione e una mediazione tra confine personale, convenzione scenica e desiderio collettivo, attraverso cui un corpo comune e comunitario si muove ed è commovente. Nessuna nostalgia, umorismo nell'umanità e umanità nell'umorismo.
 
Metoda
Tema, ki jo razvijamo, ima zgodovinske reference in nas postavlja v stanje nenehne pozornosti med skladnostjo teme in potrebami teles, ki so na odru. Izhajamo iz vprašanja: Kako lahko spoštujemo zgodovinsko temo, s katero se lahko izvajalci povežejo tudi na osebni ravni? Za nas mora biti pogled tistih na odru v stiku s pogledom gledalca, da bi ga popeljali v intimni prostor odnosa, znotraj katerega razvijamo naš koncept bivanja na meji, na kraju neznanega, na kraju, kjer ni voditeljev, na kraju dialoga.

—Silvia Gribaudi & Andrea Rampazzo

- - -

IT

Avere un tema da sviluppare che ha dei riferimenti storici ci mette in una condizione di continua attenzione tra coerenza del tema e necessità dei corpi che sono in scena. Stiamo partendo dalla domanda: Come poter rispettare un tema storico con cui gli interpreti possano relazionarsi anche su un livello personale? Per noi lo sguardo di chi sta in scena deve essere in contatto con lo sguardo dello spettatore per condurlo dentro uno spazio intimo di relazione dentro cui stiamo sviluppando il nostro concept di stare nel confine, nel luogo del non conosciuto, nel luogo dove non ci sono leader, nel luogo del dialogo.

—Silvia Gribaudi & Andrea Rampazzo
Silvia Gribaudi & Andrea Rampazzo
Silvia Gribaudi je večkrat nagrajena italijanska koreografinja, specializirana za uprizoritvene umetnosti. Od leta 2004 usmerja svoje raziskovanje na družbeni vpliv teles, pri čemer svoj koreografski jezik osredinja na komični element ter odnos med občinstvom in izvajalci. V zadnjem desetletju prevprašuje spolne stereotipe, ženske in moške identitete ter koncept virtuoznosti v plesu in vsakdanjem življenju, pri čemer presega klišeje in videze. Njene predstave so bile uvrščene na nacionalne in mednarodne festivale in so rezultat ustvarjalnega procesa, ki se usmerja na dialog in poetično srečanje z drugimi umetniki, plesnimi skupinami in skupnostmi. Sodelovala je v umetniških raziskovalnih projektih o aktivnem staranju skozi umetnost plesa in uprizarjanju spola po 60. letu starosti.

Andrea Rampazzo je plesalec in koreograf. Kot plesalec je sodeloval s plesnimi skupinami, kot so Compagnia Virgilio Sieni, Francesca Selva, Artemis Danza/Monica Casadei in drugimi. Koreografiral je dueta In controluce in Studio per due danzatori e una lampada. Leta 2015 je začel sodelovati s plesno skupino Déjà Donné Dance Company, kot plesalec in koreograf, avtorsko je zasnoval solo L'Appel du vide, ki raziskuje željo po neznanem, in duet Rapporto occasionale (prima stanza) o (ne)ravnovesju v človeških odnosih. Njegova dela so bila predstavljena na različnih festivalih in prizoriščih (Caffeine, Tendance, Corpi in Movimento in drugi). Leta 2017 je soustanovil Dance Makers: heterogeno skupino plesalcev, ki se ukvarja s koreografskimi itinerarji v muzejih, predstavami za oder oz. specifična prizorišča ter ustvarjalnimi intervencijami.

- - -

IT

Silvia Gribaudi è una pluripremiata coreografa italiana specializzata in arti performative. Dal 2004 ha concentrato la sua ricerca sull'impatto sociale dei corpi, incentrando il suo linguaggio coreografico sull'elemento comico e sul rapporto tra pubblico e interpreti. Negli ultimi dieci anni ha messo in discussione gli stereotipi di genere, le identità femminili e maschili, il concetto di virtuosismo nella danza e nella vita quotidiana, trasgredendo i cliché e le apparenze. I suoi spettacoli sono stati presentati in festival nazionali e internazionali e sono il risultato di un processo creativo incentrato sul dialogo e sull'incontro poetico con altri artisti, compagnie di danza e comunità. Ha partecipato a progetti di ricerca artistica sull'invecchiamento attivo attraverso l'arte della danza e della performance di genere oltre i 60 anni.

Andrea Rampazzo è danzatore e coreografo. Come danzatore ha collaborato con compagnie di danza come la Compagnia Virgilio Sieni, Francesca Selva, Artemis Danza/Monica Casadei e altre. Ha coreografato i duetti In controluce e Studio per due danzatori e una lampada. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con la Déjà Donné Dance Company, sia come danzatore che come coreografo, autoriando L'Appel du vide, un assolo che indaga il desiderio dell'ignoto, e Rapporto occasionale (prima stanza), un duetto sugli (im)equilibri nelle relazioni umane. I suoi lavori sono stati presentati in vari festival e luoghi (Caffeine, Tendance, Corpi in Movimento e altri). Nel 2017 ha co-fondato Dance Makers: un gruppo eterogeneo di danzatori che lavora a percorsi coreografici nei musei, performance site specific/scena e interventi creativi.


 
Kolofon
Koncept in koreografija: Silvia Gribaudi in Andrea Rampazzo
Ustvarjalci in izvajalci: En–Knap Group (Núria Capella, Mattia Cason, Tina Habun, Davide Lafabiana, Tamás Tuza, Carolina Alessandra Valentini)
Glasba: Luca Scapellato
Oblikovanje svetlobe: Jaka Šimenc
Kostumografija: Katarina Markov (Atelje d.o.o.)
Vodja vaj En–Knap Group: Ana Štefanec Knez
Fotografija in video: Sara Rman
Komuniciranje in ustvarjanje: Dražen Dragojević, Valerija Intihar, Marko Damiš
Urednik: Dražen Dragojević
Tisk: Schwarz print d.o.o.

Produkcija: Zavod En–Knap
Koprodukcija: Artisti Associati Centro di Produzione Teatrale

   

Projekt Amaterski tihotapci / ASMUG financira Evropska unija iz Sklada za male projekte GO! 2025 programa Interreg VI-A Italija-Slovenija 2021-2027, ki ga upravlja EZTS GO.

www.ita-slo.eu / www.euro-go.eu/spf


Zavod En–Knap:
Direktor Zavoda En–Knap in umetniški vodja Centra kulture Španski borci: Iztok Kovač
Poslovna direktorica Zavoda En–Knap in Centra kulture Španski borci: Marjeta Lavrič
Tehnični koordinator: Jaka Šimenc
Tehnična podpora: Omar Ismail, Leon Curk, Hotimir Knific, Fabijan Purg, Gal Škrjanec Skaberne, Špela Škulj
Izvršna producentka: Karmen Keržar
Komunikacijska in kreativna strategija: Dražen Dragojević
Komunikacijsko in kreativno izvrševanje: Valerija Intihar
Oblikovanje: Marko Damiš
Vodja financ: Julija Travančić
Koordinatorka in organizatorka dogodkov: Katja Gabrijelčič

Podpora Zavoda En–Knap in delovanja Centra kulture Španski borci (ki ga upravlja Zavod En–Knap):
Mestna občina Ljubljana – Oddelek za kulturo, Ministrstvo za kulturo Republike Slovenije

- - -

IT

Ideazione e coreografia: Silvia Gribaudi e Andrea Rampazzo
Creatori e interpreti: En–Knap Group (Núria Capella, Mattia Cason, Tina Habun, Davide Lafabiana, Tamás Tuza, Carolina Alessandra Valentini)
Musiche: Luca Scapellato
Disegno luci: Jaka Šimenc
Costumi: Katarina Markov (Atelje d.o.o.)
Direttore delle prove: Ana Štefanec Knez
Fotografia e video: Sara Rman
Comunicazione e creazione: Dražen Dragojević, Valerija Intihar, Marko Damiš
Editore: Dražen Dragojević
Stampa: Schwarz print d.o.o.

Produzione: Produzioni En–Knap
Coproduzione: Artisti Associati Centro di Produzione Teatrale

   

Il progetto è finanziato dall’Unione europea nell’ambito del Fondo per piccoli progetti (Small Project Fund) GO! 2025 del Programma Interreg VI-A Italia-Slovenia 2021-2027, gestito dal GECT GO.

www.ita-slo.eu / www.euro-go.eu/spf


Produzioni En–Knap:
Direttore delle Produzioni En–Knap e Direttore artistico dello Centro Culturale  Španski Borci: Iztok Kovač
Direttore commerciale delle Produzioni En–Knap e dello Centro Culturale Španski Borci: Marjeta Lavrič
Coordinatore tecnico: Jaka Šimenc
Supporto tecnico: Omar Ismail, Leon Curk, Hotimir Knific, Fabijan Purg, Gal Škrjanec Skaberne, Špela Škulj
Produttore esecutivo: Karmen Keržar
Strategia di comunicazione e creazione: Dražen Dragojević
Esecuzione della comunicazione e creazione: Valerija Intihar
Design: Marko Damiš
Responsabile delle finanze: Julija Travančić
Coordinatore e organizzatore di eventi: Katja Gabrijelčič

Produzioni En–Knap e Centro Culturale Španski Borci, gestito delle Produzioni En–Knap, sono sostenuti da:
Città di Lubiana – Assessorato alla Cultura, Ministero della Cultura della Repubblica di Slovenia